lunedì 9 marzo 2015

ORECCHIETTE CON LE CIME DI RAPA (my way)

Questo è un grande classico della cucina italiana, che sicuramente tutti conoscerete.
Però forse non tutti hanno assaggiato la versione vegan, ugualmente buona e saporita!
Quindi ecco la mia personale rivisitazione delle celebri orecchiette, buone anche con i broccoli e con altri formati di pasta corta!

INGREDIENTI x4
- 1 kg abbondante di cime di rapa da pulire
- 350 gr di orecchiette secche (o 500gr di fresche)
- 1 cucchiaio di aglio in polvere
- peperoncino in polvere
- sale, pepe q.b.
- olio EVO
- 1 cucchiaio di lievito alimentare (facoltativo)
- 1 cucchiaio di olio di semi di lino (facoltativo)
- 1/2 tazza circa di pane grattugiato

Pulite le cime di rapa: eliminate le foglie sciupate gli steli esterni duri e fibrosi e mantenete quelli interni più piccoli e teneri, tenete da parte le foglie e gli steli teneri. Prendete le cimette, staccatele ad una ad una dal torsolo, eliminate la parte esterna del torsolo  e tagliate a pezzetti la parte interna che è bianca e tenera.
Ponete sul fuoco una pentola capiente con abbondante acqua salata, quando l’acqua inizierà a bollire unite le foglie, che richiedono una cottura più lunga, e le orecchiette (se usate le orecchiette fresche dovrete considerare che la pasta fresca cuoce in minor tempo e quindi dovrete aggiungere le orecchiette dopo circa 5 minuti). Le orecchiette dovranno cuocere insieme alle foglie per circa 10 minuti, considerate che le verdure devono risultare croccanti e le orecchiette al dente.

Se volete dargli un tocco di sapore all'acciuga, potete mescolare insieme in una ciotola il lievito alimentare con l'olio di lino, e lasciateli riposare qualche minuto; otterrete un sapore simile (consiglio di Manuel di Uno Cookbook).

Aggiungete le cimette nella pentola con le orecchiette e le foglie , terminate la cottura mescolando bene (ci vorranno circa 3/4 minuti).

In un padellino, messo a scaldare su fuoco vivaceo, fate tostare il pane grattugiato, finché non sentirete un buon profumino di tostato. Spegnete il fuoco e conservatelo al caldo.

Una volta cotte le orecchiette con le cime di rapa, scolate bene, avendo cura di conservare l’acqua di cottura che potrà servire per la mantecatura, e versatele in una larga padella con l'aglio, un giro di olio EVO (o olio piccante). Aggiungete anche il lievito con l'olio di lino.
Mantecate a fuoco vivace per un paio di minuti e mescolate bene per insaporire le orecchiette, se vi sembrano un po’ asciutte aggiungete un mestolo di acqua, spegnete il fuoco e unite il peperoncino a piacere . In ultimo aggiungete il pane grattugiato.
Servite subito le orecchiette ben calde!


Ed ecco il mio assistente nonché assaggiatore ufficiale, nonché gioia della mia vita, lo Chef Noah!



sabato 14 febbraio 2015

TORTINO DI MIGLIO E VERDURE


Più che un tortino mi è venuto un Tortone, perché con questo ci hanno pranzato ben 5 persone…quindi regolatevi un po' voi! Si tratta di una preparazione estremamente semplice e versatile, quindi se avete verdure o odori diversi da quelli che ho usato io, non fatevi problemi ad aggiungerli!

INGREDIENTI:
- 500 gr di miglio
- 2 spicchi d'aglio
- 1 cipolla
- 1/4 cavolo cappuccio
- 1 carota grande
- 1 gambo di sedano
- 12 (circa) pomodorini secchi
- 1 manciata di olive nere
- 1 cucchiaino scarso di curcuma
-  pizzico di curry
- 1 rametto di rosmarino
- foglie di salvia
- sale, pepe
-pangrattato

Cuocete il miglio al dente seguendo le istruzioni sulla confezione.
Intanto, in una capace padella, fate soffriggere in un po' d'acqua e un filo d'olio aglio, rosmarino, salvia tritati molto fini. Aggiungete poi cipolla, sedano e carota tagliati a cubetti, il cappuccio a listarelle, i pomodorini e le olive a pezzetti non troppo piccoli.
Fate rosolare per bene a fuoco vivace, poi abbassate la fiamma, aggiungete qualche mestolo d'acqua calda, sale e pepe se li usate, e lasciate cuocere fino a quando le verdure non saranno tenere (ma non spappolate); all'incirca il tempo di preparazione delle verdure è lo stesso della cottura del miglio, 20 minuti più o meno.
Ora unite il miglio al composto di verdure, aggiustate con il condimento, aggiungete la curcuma e il curry, e per chi lo utilizza, qualche cucchiaiata di olio EVO.

Distribuite il composto in una teglia bassa e larga, compattatelo al meglio. Distribuite a piacere sulla superficie ancora qualche pezzetto di oliva e di pomodorini, un po' di pane grattugiato o se le amate, mandorle e semi di sesamo polverizzati.
Terminate con un filo d'olio e mettete a cuocere in forno ben caldo, a 180°C circa, per 20 minuti, finché non vedete che si forma una crosticina dorata.

Sfornate, lasciate intiepidire e servite.
Vi consiglio, finché ci siete, di farne una dose abbondante, tanto è buono anche nei giorni successivi!



martedì 3 febbraio 2015

TORTA SALATA DI ZUCCA di Cesca


Una delle mie torte salate preferite, quella alla zucca! Avevo già pubblicato una versione simile anni fa qui, della mia amica Ross.
Questa volta ho seguito a grandi linee quella della mitica Cesca, che invece trovate Qui.
Semplice da fare, sia la pasta che il ripieno, e di grande soddisfazione!.

Per l'impasto:
- 1 bicchiere scarso di olio EVO
- 1 bicchiere scarso  d'acqua
- 1 pizzico di sale
- 1 pizzico di bicarbonato
- farina a scelta q.b.

Per il ripieno:
- 2 spicchi d'aglio
- 1 cipolla bianca
- 1 rametto di rosmarino
- qualche foglia di salvia
- 1/2 zucca Delica (quelle verdi piccolette)
- vino bianco secco
- 1 patata grande
- 1 pizzico di curcuma
- 1 pizzico di noce moscata
- 1 pizzico di cumino (facoltativo)

Iniziamo dalla pasta:  in una ciotola grande mettete l'olio e l'acqua, poi sale e bicarbonato. Aggiungete gradualmente tanta farina quanto basta per ottenere un impasto liscio ed omogeneo (ci vorranno pochi minuti). Mettete a riposare al fresco.
Queste dosi sono per una torta grande, con anche la "Copertura" sopra. se ne volete fare meno vi basta usare solo 1/2 bicchiere d'olio e 1/" d'acqua.

Prepariamo il ripeno: in una larga padella mettete l'aglio, il rosmarino e la salvia ben tritati. Fateli sofriggere in un filo d'olio e acqua. Aggiungete la cipolla tagliata fine, la zucca e la patata a cubetti -più o meno- regolari. Fate rosolare bene a fuoco vivace, insaporite con la curcuma, il sale, il pepe e la noce moscata, e il cumino in polvere se lo avete.
Versate il vino bianco (circa 1/2 bicchiere), abbassate il fuoco, coprite la padella con un coperchio e lasciate cuocere, circa 10-15 minuti, finchè zucca e patate non sono morbide (ma non spappolate).

Assaggiate e se è il caso regolate di sale e pepe.
Stendete 2/3 della pasta su una tortiera rivestita di carta da forno, bucherellatela con una forchetta, versateci sopra tutto il composto di zucca, livellate per bene e poi coprite con il restante 1/3 di pasta ben steso. Bucherellate tutta la superficie, spennellate con poco olio e cuocete in forno ben caldo a 180C° per circa 30 minuti ( o finchè la pasta sopra non è dorata).
Lasciate raffreddare prima di servire.



E alcune foto del nostro Noah, e dell'ultimo corso di cucina fatto domenica scorsa!





lunedì 26 gennaio 2015

INSALATA DI BROCCOLI CON MELAGRANA


Ecco un'altra ricetta leggera e veloce, un'insalata un po' insolita ma molto buona, che è piaciuta a un palato difficile come Benna. Anche questa arriva dal libro di ricette dei blogger di The Green Kitchen, con qualche piccola variante: nella ricetta originale i broccoli vengono utilizzati crudi, così come una cipolla rossa e dell'uvetta, che io non ho messo (ma magari voi provate!).

INGREDIENTI x4:
- 2 broccoli freschi
- i chicchi di 1 melagrana
- 75 gr di semi di girasole
- 250ml di yogurt di soia al naturale
- succo di 1/2 limone
- sale, pepe

Come dicevo, nella ricetta originale i broccoli si utilizzano crudi; io li ho prima cotti a vapore.
Tagliateli a pezzetti, gambi e foglie compresi. Metteteli in un'insalatiera con i semi di girasole, i chicchi di melagrana e mescolate.
In una ciotolina miscelate lo yogurt con il limone, il sale e il pepe. Aggiungetelo ai broccoli e mescolate delicatamente, assicurandovi che tutti i broccoli siano ricoperti di yogurt.
Lasciate riposare al fresco qualche minuto prima di servire.

Per una variante più ricca potete usare la maionese invece dello yogurt!

giovedì 15 gennaio 2015

INSALATA CON FINOCCHI, LENTICCHIE E MANDARINI


Ok, ce la posso fare, anno nuovo e nuovi impegni, primo fra tutti con il mio amato e, ahimè, trascurato blog. Pensavo che con Noah sarebbe stato sempre più semplice lavorare al computer, ma è proprio il contrario: più il cucciolo cresce più è curioso, attivo, dinamico e se accendo il computer vuole afferrare subito il mouse e digitare sulla tastiera…un disastro!

Ma ci tengo tanto a questa piccola raccolta di ricette, e quindi ricomincio, con questa semplice ma fresca e deliziosa insalata.
L'idea l'ho presa dal libro di Green Kitchen Stories, con qualche variante (tipo ci andrebbe una cipolla cruda a fettine, un cetriolo e le lenticchie germogliate…se voi volete provarci…).

INGREDIENTI:
- 1/2 cespo di insalata (lattuga o gentilina le mie preferite)
- 1 finocchio 
- 100 gr circa di lenticchie già cotte
- 1 gambo di sedano con anche le foglie
- 3 mandarini
- 2 cucchiai di Shoyu (o altra salsa di soia)
- 1 cucchiaio di sciroppo d'agave 
- 1 cucchiaino di senape

In un'insalatiera mettete l'insalata, il finocchio tagliato a fettine sottilissime, le lenticchie, il sedano a tocchetti, e pure le sue foglioline. Finite con 1 mandarino tagliato a spicchi.

In una ciotola miscelate insieme il succo dei 2 mandarini rimasti, lo shoyu, la senape e lo sciroppo d'agave (se non lo avete potete scioglierci un cucchiaino di zucchero di canna buono). Io in genere uso il condimento così, ma se lo preferite potete aggiungere anche qualche cucchiaio d'olio EVO, oppure di semi di lino. Mescolate bene con un cucchiaino, versate tutta la miscela nell'insalata e mescolate bene.
Lasciate riposare qualche minuto prima di servire.

Con queste quantità in genere io ci pranzo, ma come contorno va benissimo per 2 o 3 persone.


 
 E come consuetudine, ecco alcuni scatti del nostro piccolo eroe, sempre più bello e divertente!
A presto!!

sabato 20 settembre 2014

MILLEFOGLIE DI VERDURE E CREMA AL BASILICO



Una ricetta inventata di sana pianta, con quello che avevo in casa; il risultato è piaciuto anche ad un palato difficile come quello di Benna, quindi mi sento tranquilla nel proporvela, anche per una sera in cui avete amici e volete fare bella figura con poco sbattimento :)

INGREDIENTI:
- 1 melanzana grande
- 2 pomodori maturi
- 4 patate già lessate
- 1 peperone
- 1 mazzetto di basilico
- 1 pugno di anacardi (o noci)
- 1 spicchio d'aglio
- olio EVO
- sale,pepe q.b.

Tagliate a fette la melanzana, cospargetele con un po' di sale grosso e lasciatele in un piatto fondo per qualche ora, in modo che perdano acqua.

Scaldate bene una padella con un buon fondo antiaderente. Asciugate le fette di melanzane e grigliate nella padella.
Tagliate a filetti il peperone e grigliate anche quelli.
Tagliate a fette regolari 3 patate e i pomodori.

Preparate la crema frullando la patata rimasta con le foglie di basilico, le noci, l'aglio, un pochino d'olio, sale e pepe. Se vi sembra troppo densa, allungatela con un pochino di latte di soia, o altro olio.

Ora componete il "millefoglie" sul piatto da portata: con l'aiuto di un coppapasta (se non lo avete, pazienza, vi verrà comunque), disponete una fetta di melanzana, sopra un cucchiaio di crema, una fetta di patata, un cucchiaio di crema, una fetta di pomodoro, e la crema, peperone, e crema….proseguite a vostro piacimento, dipende quanto volete che diventino alte!
Potete servirle subito, se lo gradite con un filo d'olio sopra, oppure lasciarle riposare mezz'oretta in frigo.


P.s. Se seguite un regime HCLF o se volete stare ancora più leggeri, potete omettere il sale, l'olio e gli anacardi, verrà comunque buono e saporito!

mercoledì 10 settembre 2014

TORTA DI COMPLEANNO PER NOAH




Non ho intenzione di raccontare quanto sia stato entusiasmante, intenso e commovente questo primo anno insieme al nostro Tigrotto, 1 perché potrei scriverne per ore, 2 perché se ci penso troppo mi viene da piangere dalla gioia (giuro, non è uno scherzo, gli ormoni della maternità giocano brutti scherzi!).

Quindi mi limiterò a darvi la ricetta della sua torta di compleanno.
Premetto, Noah non mangia zuccheri raffinati, e, of course, è un bimbo vegano, quindi occorreva una torta completamente veg, suga free….ma che fosse anche bella e buona!
Dopo vari esperimenti ho optato per una base di tipo Pan di Spagna che ho preso qui, dalla Katy (che non ci si sbaglia!!), e poi l'ho farcita con una marmellata senza zucchero, panna di Cocco e frutti di bosco. Vi assicuro che non è una torta solo per bimbi, è piaciuta a tutti, quindi provatela e mangiatevene pure una fetta in più!!

INGREDIENTI:

Per la base
360 ml latte di soia al naturale
270 gr farina 00
1 cucchiaino raso bicarbonato
1 bustina di  lievito in polvere
30 gr amido di mais
una punta di cucchiaino di vaniglia in polvere
un pizzico di sale fino
50 ml olio di semi
160 gr malto di riso

Per guarnire:
Confettura di frutti di bosco senza zucchero (io ho usato questa)
2 cucchiai di succo d'arancia
1 lattina di latte di cocco (lasciato in frigo almeno 1 giorno)
2 cucchiai di sciroppo d'agave
frutti di bosco (lamponi, more, mirtilli)

Partiamo dalla base: in una ampia ciotola mettete tutti gli ingredienti secchi, poi quelli liquidi, e mescolate con cura con una frusta. Non vi preoccupate se l'impasto vi sembra molto liquido, amalgamando bene diventa perfetto!
Versatelo in una tortiera rivestita di carta da forno e cuocetela in forno caldo a 180°C per circa 35 minuti. Lasciate raffreddare completamente.
Tagliate la torta a metà, bagnatela con qualche cucchiaio di succo di frutta, e farcitela con la marmellata.
Ricomponete con l'altra metà.

Ora la panna di cocco: aprite delicatamente la lattina di latte di cocco, prelevate solo la parte più densa (più grassa), mentre la parte più liquida potrete usarla per cocktails, frullati, curry di verdure…..
Mettete la parte densa, appunto, in una ciotola, aggiungetevi qualche cucchiaio di sciroppo d'agave (o malto), e montatela con le fruste, per qualche minuto.
Quando vi sembra abbastanza soffice e soda, distribuitela su tutta la superficie della torta.
Decorate con i frutti di bosco, e lasciatela riposare in frigo qualche ora prima di servirla.

Ovviamente viene benissimo anche con altra frutta! :)



Questa era una prova, guarnita con le pesche, ugualmente buona!


 Questo invece è il nostro piccolo campione un anno fa:


E oggi….si cresce in fretta eh??